Danzaregina

A OGNUNO IL SUO CORPO

Care REGINE e cari RE,

oggi voglio condividere con voi una riflessione nata sulla spiaggia ligure durante la scorsa estate, un giorno di agosto in cui stavo comodamente sdraiata in riva al mare a guardare le onde del mare e prendere il Sole.

Mi sono domandata come stessi nel mio corpo e se mi sentissi a mio agio nonostante quest’anno rispetto all’estate dello scorso anno, avessi qualche kilo in più. Non parliamo di tanti Kg, ma dopo avere perso ben 10 kg nel 2018, durante questo anno (2019) ne ho rimessi su circa 4 e devo ammettere che quest’estate li ho sentiti tutti a livello psicofisico. Ero lì in riva al mare a fare queste riflessioni e ad ascoltare il mio corpo baciato sia dal sole che dalle onde del mare, quando all’improvviso ho sentito dentro rimbombare questa frase “A OGNUNO IL SUO CORPO”…. e ora cercherò di spiegarvi cosa intendo.

Non voglio entrare nella scienza, nella genetica e nel dettaglio, ma noi nasciamo con alcune caratteristiche iscritte nei nostri geni e la vita ci dona un corpo che si sviluppa nel tempo senza alcun controllo razionale da parte nostra. Una persona è bionda, un’altra mora, occhi chiari, verdi o castani, uno è alto e magro, un altro è più basso o magari cambia lo spessore delle ossa. Proseguo con altri esempi: qualcuno ha il piede lungo, le dita afffusolate, le unghie più o meno rosate, per non parlare di capelli differenti in ogni persona e per estensione anche i nostri peli, diversi da uomo a donna e da donna a donna.

Nasciamo con alcune caratteristiche e credo che sia nostro compito e dovere imparare ad amare quello che la natura ci ha donato, con gratitudine e rispetto della spettacolare e  complessa meraviglia che è racchiusa nel nostro corpo umano. Ognuno deve imparare ad amare i propri occhi, i propri piedi, le proprie mani, i propri capelli (etc…) esattamente così come sono stati dati in dotazione naturalmente alla nascita e durante la nostra crescita e sviluppo.

ATTENZIONE però qui arriva il bello del discorso… Perchè imparare ad amarsi e a ringraziare ogni giorno per la meraviglia che portiamo con noi, comprende un concetto per me importantissimo che è la sacralità del nostro corpo! Noi dobbiamo trattare il nostro corpo con rispetto, amore e cura in modo da poter esprimere al meglio la nostra meravigliosa essenza. Considerare il corpo Sacro vuol dire per me occuparcene e dargli la giusta attenzione, esattamente come facciamo con la nostra mente.

Una relazione sacra prevede un sentimento profondo, un rispetto duraturo nel tempo e un trattamento coerente con questi principi e valori. Come spesso accade io mi adopero tantissimo sia nella mia vita che con Danzaregina per l’integrazione degli opposti, credo fortemente nell’unità e mi piace quindi accostare a concetti teorici anche qualche esempio pratico, calato poi nella nostra vita quotidiana.

Trattarlo con cura significa non avere 10 o 20 Kili in più che fanno fare più fatica ai nostri organi e fanno affaticare le nostre funzioni vitali. Trattarlo con cura significa ad esempio avere un corpo attivo, nutrirlo con cibo sano e nutriente (ho in cantiere un prossimo articolo anche sul mangiare biologico data la mia esperienza in materia), occuparci del nostro benessere cardiaco e muscolare praticando sport di qualsiasi tipo che ci piaccia e che ci faccia stare bene. Trattarlo con cura significa tenerlo pulito, in ordine e curarlo con i giusti prodotti (sono fan della cosmesi naturale). Trattarlo con cura vuol dire ascoltare le sue necessità e ad esempio dopo una giornata in ufficio o a lavorare al pc, concederci un breve automassaggio con olio rilassante alla lavanda in modo da facilitare la distensione della nostra cervicale. E potrei continuare la lista ancora a lungo, ma rivolgo a te ORA cara REGINA e  caro RE Tre domande:

 

1) Che rapporto hai con il tuo corpo?

2) Cosa pensi della Sacralità del Corpo?

3) In che modo ti prendi cura del tuo corpo?

 

Manda pure le tue risposte a info@danzaregina.com. Avrò cura di fare un altro articolo o un post sui social in cui condivido le vostre riflessioni.

 

Ti auguro una RELAZIONE SACRA E PROFONDA con il tuo corpo e finisco con le Parole del titolo: “A Ognuno il suo Corpo”

 

Vivi Stella Fuardo

Articoli Recenti

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi