Danzaregina

ORDINE DISORDINE TRASFORM-AZIONE Parte 3

Care REGINE e RE, grazie per essere con me in questo viaggio in tre puntate sul riordino di casa Danzaregina. A questi link trovate le puntate precendenti:

PRIMA PUNTATA – CLICCA QUI

SECONDA PUNTATA – CLICCA QUI

Proseguiamo con il racconto dell’ultimo giorno di riodino e pulizia, che potrebbe sembrare il più facile alla fine, invece è stato il più difficile in assoluto.

GIORNO 7 – DOMENICA – SOPRAMMOBILI/OGGETTI VARI/ APPUNTI E RICORDI

La mia casa è rinomata per essere piena di cose, oggetti sopra i mobili, le mensole, il tavolo e anche il divano. Sono oggetti vari, raccolti e amati negli anni, di varia natura, alcuni provenienti da viaggi, altri regalati, altri da fasi di vita diverse…insomma un pò come tutti noi un mix di oggetti delle nostre vite. Sono stata in comtemplazione mezz’ora prima di decidere come procedere: levo tutto, seleziono e rimetto quello che sento (come dice Marie Kondo) oppure lascio tutto, faccio solo la polvere e rimando alla prossima volta? Mano sul cuore, ascolto profondo e ho sentito che è il momento di alleggerire anche visivamente la mia casa. Ho preso tutti gli oggetti e li ho sparpagliati sul pavimento e poi mi sono seduta e uno a uno li ho presi in mano, ascoltando se mi fa ancora vibrare il cuore e gioire l’anima. E’ stato un lavoro intenso, delicato e molto provante che si è concluso così: 10 oggetti rimasti e posizionati su scaffali, 10 oggetti buttati (riciclati e donati) e gli altri messi in una scatola chiusa che ho riposto sotto al letto. Non so cosa direbbe Marie Kondo della mia scelta, ma questo è il risultato del mio grande lavoro momentaneo interiore. Poi chissà domani magari riprendo tutto in mano e decido diversamente. L’importante è sempre essere fedeli a se stessi, trasformarsi in linea con quel che si sente, senza forzature, senza raccontarsela con tanto tanto AMORE.  Oggi ho pochissimi soprammobili e oggetti sparsi per casa e sono molto soddisfatta, ancora un pò mi devo abituare ma sento un’aria leggera e frizzante di rinnovamento.

Lo step successivo è stato vagliare tutti gli appunti, quaderni e fotocopie dei vari corsi di formazione che ho seguito fin da giovanissima (il primo corso di pnl a 17 anni) e altre varie cose che avevo in giro. Un momento importante di presa di coscienza di tutto quello che ho fatto, il mio percorso che mi ha condotto fino ad oggi, qui e ora. Ho deciso poi di conservare i passi fondamentali fatti fino ad oggi, quelli che ritengo essere i miei capisaldi e li ho tenuti, mentre ho eliminato altri appunti di corsi minori (o che sento come tali adesso), certa che quando vorrò riprendere quei temi saprò dove andare a ricercare (santa tecnologia).

Ultimo step: cassetto dei ricordi in cui ho accumulato negli anni biglietti d’auguri, diari di viaggi esterni e interni, lettere varie e alcune foto. Ho preso in mano uno per uno tutti i ricordi e ho deciso se tenerli o meno. E’ stato il viaggio più intenso e profondo dell’ avventura del riordino ed è proprio per questo che saggiamente Marie Kondo nel suo libro consiglia di farlo per ultimo, dopo essersi allenati per bene nello scartare cose e oggetti a cui siamo meno affezionati di cuore. Sono riuscita ad eliminare tanti biglietti d’auguri di 15 – 20 anni fa, mentre i diari, le lettere personali e le foto no, ho tenuto tutto. Sento che non è il momento di affrontare il lavoro profondo sulle foto, l’ho rimandato a data da destinarsi. Non so se è una strategia che funzionerà, magari le foto resteranno per sempre lì e le vedranno i miei successori, ma questo è quello che mi sono sentita adesso.

La trasformazione che è avvenuta in me è stata molto forte, è visibile nella mia casa e “sentibile” dentro di me. Dal disordine all’ordine c’è la consapevolezza in mezzo. Non serve per forza l’ordine per essere consapevoli, diciamo però che trasformare il disordine in ordine allena la decisone, facilita la presenza nel qui e ora e la consapevolezza di chi si è, di cosa ci serve e di dove stiamo andando.

Auguro a tutti una felice trasform-azione dal disordine all’ordine. Come sempre, se vi va, condividete con me i vostri racconti, li leggo volentieri e vi rispondo con gioia. 

GRAZIE GRAZIE GRAZIE

NB: Sul mio comò nella foto vedete una quadro realizzato e donatomi dalla mia cara vicina di casa Maite Damone. Scoprite tutto qui sul suo sito

Come ieri vi riporto i riferimenti per acquistare il libro di Marie Kondo, usando il mio codice in modo da dare una piccola commissione anche a me.

Marie Kondo – ” Il Magico Potere del Riordino”

Per ordinarlo clicca questo LINK

Vivi Stella Fuardo – info@danzaregina.com

Articoli Recenti

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi